Frieze Zona Maco

>digital access
>printed version
>abbonamenti


>italian
>english

Chissà quante idee per associazione mentale possono tempestare i nostri neuroni e sinapsi se solo ci concentrassimo per un momento su un’unica parola. Cina.
Biciclette, parchi, draghi, caos, lanterne, involtini primavera, arti marziali, monaci, dou lì (il tipico cappello di bambù), bacchette, panda, riso alla cantonese, la Muraglia cinese, etc.
Credo che la maggior parte di noi italiani pensi che mentre il tempo scivoli tra gli impegni nelle nostre agende, in Cina si sia fermato agli anni settanta. Ai luoghi comuni.
E invece …

Il Galaxy Soho è un complesso progettato da uno dei team leader dell’architettura e design: Zaha Hadid Architets. Questo gruppo conta l’elaborazione di 950 progetti in 44 paesi, con uno staff di 400 persone. Fondato dall’architetto e designer Zaha Hadid, irachena cittadina britannica, oggi è tra le cento donne più influenti al mondo, ha insegnato ad Harvard - occupando la stessa cattedra che fu di Kenzo Tange -, ed è la prima donna che ha ricevuto il Pritzker Prize nel 2004.

Uno degli ultimi progetti è proprio la megastruttura Galaxy Soho nel cuore di Pechino. Il complesso è l’insieme di cinque volumi legati da altopiani esterni a vari livelli, si estende in un’area di 50.000 mq e si sviluppa su superficie lorda di 328.204 mq.
Ogni torre, costruita in cemento, vetro, pietra e alluminio, comprende 18 piani, 3 sotterranei con parcheggi, 5 dedicati a negozi e altri spazi commerciali, e 13 tra uffici, ristoranti e bar nella parte superiore, con vista panoramica della città.
Uno dei concetti portati avanti dal team è rappresentato dalle tipiche corti interne cinesi e dalle vaste distese di campi di riso tra le montagne, reinterpretati dai diversi altopiani che collegano le quattro torri facilitando la comunicazione tra i vari uffici. Allo stesso tempo il design parametrico fa propendere tutta la struttura al futuro: le linee sono fluide, continue, sinuose, si integrano reciprocamente, creando un paesaggio urbanistico dinamico.
Il complesso vuole essere di facile orientamento, studiati anche i giochi di luce, ombra interni ed esterni. Da non dimenticare che si tratta di architettura sostenibile in cerca di certificazione LEED. A voi l’interesse di scoprire altro su un paese che sta realizzando il proprio futuro urbanistico.

galaxysoho.sohochina.com